Computer & Hardware

Raspberry Pi e Kali Linux

Il sistema Raspberry Pi e Kali Linux Linux consente di ottenere una stazione professionale sfruttando Linux per valutare la sicurezza di un dispositivo. Ecco come costruirne una in pochi passi.

Cosa serve

Per iniziare, serve un minicomputer Raspberry Pi: si tratta di un piccolo PC che serve per gli appassionati di programmazione e che va configurato e collegato a uno schermo per poter essere usato al meglio.

Questo dispositivo di ultima generazione ha un costo massimo di 28 Euro. Oltre a questo, servirà un sistema operativo adeguato, e qui entra in gioco Kali Linux. Il sistema operativo si scarica gratis da Debian (versione TFT) e, una volta installato, ha già tutto quello che serve ai sistemisti per testare la sicurezza informatica di uno strumento hi tech.

Ora, serve una batteria esterna e un adattatore Wi-fi USB, che serviranno per ottenere la base per Raspberry Pi, oltre a una SD per la memoria (dove si installerà tramite PC Kali Linux, per poterlo poi passare su Raspberry Pi), un touchscreen e una tastiera portatile Bluetooth.

Come creare la stazione Raspberry Pi e Kali Linux

La stazione Raspberry Pi e Kali Linux è semplice da ottenere, basta fare i passi giusti. Kali Linux si può installare su Linux, Windows e Mac. Per Windows e per Mac, però, sarà necessario utilizzare dei programmi di collegamento.

Per Windows, si usa Win32ImageWriter da amministratore. Una volta scaricato e installato, il programma avrà una funzione Write per consentire anche l’installazione di Kali Linux.

Per Mac, invece, si dovrà usare il freeware RPi-sd card builder. Il programma consentirà di selezionare Kali Linux e di ottenerlo al termine della procedura su SD.

Per ottenere la stazione Raspberry Pi e Kali Linux, ora servirà collegare lo schermo touchscreen. Per farlo, basta inserire con cavo incluso lo schermo alla porta GPIO, che si trova in un angolo del minicomputer.

Non resta che inserire la batteria, l’USB per il Wi-fi e la SD. Una volta accesa, la stazione Raspberry Pi e Kali Linux sarà inattiva per pochi secondi, poi comparirà il logo di Kali Linux a far tirare un sospiro di sollievo.

Attivare la stazione

Per usare il Wi-fi e attivare così la stazione, è necessario accedere al sistema con nome utente (=root) e password di accesso (=toor). Come amministratori, si scriverà poi il comando “startx”. A questo punto, si torna al terminale per i comandi, indicando il seguente percorso:

nano /etc/network/interfaces

e premendo “Invio”. Nella pagina bianca che compare, si dovranno copiare e incollare i seguenti comandi:

auto wlan0
iface wlan0
inet dhcp
wpa-ssid “nome_della_rete”
wpa-psk “password_di_rete”

Naturalmente, il nome di rete è la propria SSID, mentre la password di rete dovrà essere la propria password. Collegata alla rete, la stazione Raspberry Pi e Kali Linux è pronta!

Show More

Annarita_Faggioni

Copywriter freelance, per Tecnoarena scrive guide e recensioni.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button