E-commerce

DropShipping in Italia come avviare un negozio online a basso rischio

Il dropshipping in Italia sta diventando una realtà sempre più importante. Ecco quali sono le modalità per partire con il tuo negozio online!

Cos’è il dropshipping

Il dropshipping in Italia sta prendendo molto piede, perché è molto semplice creare un sito e-commerce e gestire le varie attività con il sistema del dropshipping.

Di cosa si tratta? Si tratta di una soluzione che salta il passaggio dell’intermediario. Di partenza, chi ha un negozio online dovrebbe avere un magazzino fisso per la merce e tutti i costi di gestione che derivano da questo. Così, al momento dell’acquisto, il negoziante online avrebbe la certezza di avere l’oggetto richiesto dal cliente finale.

In realtà, così ci si espone a rischi e perdite, perché ci sono costi vivi certi, ma non la certezza che il cliente ordini quel particolare prodotto. A questo punto, interviene la formula del dropshipping.

Tramite un fornitore privilegiato, infatti, con il dropshipping si fa in modo che sia il fornitore a spedire il prodotto al cliente, facendo guadagnare a chi gestisce un e-commerce la differenza sugli utili.

Per esempio, se un oggetto costa 50 Euro nel negozio online più spedizione, il fornitore lo mette a disposizione del negozio a 35. In questo modo, una volta spedito il prodotto, la differenza va in tasca al negoziante online.

Vantaggi del dropshipping in Italia

I vantaggi del dropshipping non mancano. Quali sono i principali? Prima di tutto, si può lavorare ovunque, in tutto il mondo. Infatti, non serve il magazzino e basta una connessione a Internet e un PC per tenere tutto sotto controllo.

Non serve nemmeno la figura del negoziante, visto che quando il cliente manda l’ordine e lo paga, la richiesta viene mandata direttamente al fornitore, che pensa anche al reso. Non avendo un magazzino fisico, si risparmia sia tempo, che denaro e spazio.

Il rischio di impresa, di conseguenza, è ridotto al minimo. Quindi, si può vendere potenzialmente quello che si vuole, vendendo anche prodotti di diversi settori merceologici.

Come scegliere i partner commerciali: caratteristiche

Il fornitore (o “dropshipper”) deve garantire:

  • Un corriere affidabile, magari anche conosciuto. Così, si potranno dare al cliente anche i tempi di consegna e modalità di reso se non gratis, almeno convenienti.
  • Una vasta produzione. Se si possono ordinare dei prodotti, questi devono essere disponibili subito.
  • Un’ottima gestione del magazzino clienti.
  • Un’ottima storia aziendale (deve essere nel settore da tempo).
  • La giusta cura della propria attività: se ha già tantissime aziende, forse potrebbe non avere tempo per una nuova collaborazione.

Alcuni dropshipper offrono anche corsi di formazione, oppure un sito già pronto da usare per vendere su Internet. Naturalmente, il dropshipping in Italia punta anche alla comunicazione social. Sarebbe bene controllare se il fornitore prevede costi di adesione o delle quote sul venduto: in questo caso, sarebbe bene cambiare strada.

In più, ci sono elementi “in più” che fanno preferire un dropshipper piuttosto che un altro. Per esempio, la possibilità di personalizzare il prodotto con il logo dell’azienda (o almeno l’imballaggio). Oppure, se è il dropshipper che avvisa il cliente via mail dell’arrivo del suo pacco.

Infine, il dropshipper dovrebbe accettare diversi metodi di pagamento.

Quali sono i migliori fornitori

I migliori fornitori per il dropshipping in Italia sono:

  • New cart. Completamente in italiano, consente di aprire un negozio direttamente sul sito. In più, offre corsi SEO e per i social network per aumentare le vendite attraverso questi strumenti. Con New Cart, si può vendere anche su Ebay.
  • Bazarissimo. Si presenta come un servizio di dropshipping punto di incontro tra fornitori e gestori di negozi online. Offre tantissime categorie merceologiche su cui puntare. Ha un costo annuale, ma ti permette di realizzare un sito direttamente sulla piattaforma e di ottenere il know-how giusto per iniziare.
  • ErboristeriaOnline. Come dice il nome stesso, si tratta di un servizio di dropshipping pensato per chi vuole inserirsi nel settore dei prodotti naturali.

Se non c’è il tuo fornitore preferito tra questi, puoi cercare online nuove formule per il dropshipping in Italia. Oltre a Google, ci sono le directory dedicate.

Come partire

Per partire, il consiglio è valutare pro e contro con un piano di investimento. D’altra parte, si tratta dell’apertura di un negozio, anche se su Internet. Quindi, valuta bene costi, benefici e possibilità di mercato. In questo modo, potrai ottenere la soluzione migliore per la tua attività e sottoporre al dropshipper le tue richieste.

Non ti resta che iniziare la tua attività e scegliere la giusta comunicazione: non basta un logo per attirare clienti. Gestire un e-commerce è un vero e proprio lavoro e rappresenta un ottimo modo per chi vuole lavorare da casa e guadagnare su Internet ottenendo una rendita mensile.

Certo, i guadagni dipenderanno anche da te e non solo dal tuo fornitore, che dovrà garantirti tutta l’assistenza possibile. Avvia la tua attività e non dimenticare gli adempimenti fiscali, che sono gli stessi di un’attività in sede.

Tags
Show More

Annarita_Faggioni

Copywriter freelance, per Tecnoarena scrive guide e recensioni.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Guarda anche
Close
Back to top button
Close
Close